Alberto Granado: Un gitano sedentario

Titolo: Un gitano sedentario
Autore: Alberto Granado
Editore: Sperling & Kupfer Editori, Milano

Nel gennaio 1952 Ernesto Guevara, allora studente di medicina, e il suo grande amico Alberto Grando, già laureato in biologia, partirono su una vecchia moto, “la Poderosa”, e attraversarono l’America Latina, spinti dallo spirito di avventura. Un viaggio che li mise di fronte alla miseria e all’ingiustizia di cui è vittima il continente e che segnò profondamente le scelte future: al ritorno Ernesto prese la strada dell’impegno rivoluzionario e Alberto si dedicò, in Venezuela, alle ricerche scientifiche.

Si ritrovarono otto anni dopo, quando il Che, diventato il Comandante Guevara, invitò il vecchio amico a Cuba, che la Revolucion guidata da Fidel Castro aveva liberato dal dittatore Fulgencio Batista, appoggiato degli Stati Uniti. Granado ritrovò in quel progetto politico di riscatto sociale l’entusiasmo dei sui sogni giovanili e si trasferì senza indugi nell’isola, mettendo i suoi studi al servizio della patria d’elezione. In questo libro Alberto Granado ricorda i gloriosi anni della costruzione di una nuova società, intrecciando la cronaca degli avvenimenti storici alle memorie personali e al racconto dei tanti momenti vissuti al fianco del Che. Un’autobiografia che è anche la storia di un’amicizia eterna e di un ideale diventato realtà.

Fonte: Latinoamerica

A cura di Lauretta