27° Festival del Cinema Latino Americano di Trieste

Il Festival del Cinema Latino Americano di Trieste, la più vasta rassegna in Europa sulla produzione cinematografica, video e televisiva del continente latino, giunge alla sua XXVII edizione: dal 20 al 28 ottobre, al Teatro Miela (in Piazza Duca degli Abruzzi, 3) e in altre sedi, presenterà più di 180 tra film e documentari sulla realtà culturale, artistica e sociale dell’America Latina.

L’appuntamento, promosso dall’APCLAI (Associazione per la Promozione della Cultura Latino Americana in Italia) e supportato da vari enti e istituzioni italiane, europee e latino americane, si propone come la vetrina di una variegata produzione artistica e culturale, spesso sconosciuta all’estero a causa dell’emarginazione nella quale è relegata dalle grandi distribuzioni commerciali.
Anche quest’anno, grazie alle collaborazioni avviate, parte delle opere verranno proiettate, all’Università di Trieste, al Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda per i Servizi Sanitari, al Centro Internazionale di Fisica Teorica di Miramare (dove si terrà l’inaugurazione del Festival, la sera di sabato 20) e il Collegio del Mondo Unito dell’Adriatico.

Il programma è stato presentato dal direttore del Festival, Rodrigo Diaz: venerdì 12 a Roma, in collaborazione con l’Istituto Italo-Latino Americano e con l’intervento di Sylvia Irrazábal, Segretaria Culturale dell’Istituto, e lunedì 15 a Trieste, alla Camera di Commercio, con l’intervento di Franco Rotelli, presidente della Conferenza Permanente Salute Mentale nel Mondo “Franco Basaglia”, riguardo lo sviluppo di progetti di collaborazione con il Festival sui tema del disagio e della salute mentale.

Il direttore Diaz ha sottolineato “il costante impegno del Festival di Trieste, negli anni, per evidenziare i profondi legami tra Italia e America latina, e per valorizzare la vasta comunità oriunda italiana presente nella cultura e nella società del Continente; cosa di cui – purtroppo – non sempre l’Italia pare avere sufficiente coscienza, neppure in termini di potenzialità economiche”. Il direttore ha anche sottolineato “le sempre maggiori difficoltà operative in cui versa il Festival, dopo i crescenti tagli ai finanziamenti pubblici per la cultura, che mettono sempre più a rischio la manifestazione”.

Se anche quest’anno il Festival si realizzerà, ha spiegato Diaz “è  nuovamente grazie al forte sostegno ricevuto dalle istituzioni, Ministeri ed Ambasciate dell’America Latina, che si sono assunti direttamente, o tramite servizi a titolo gratuito, parte dei costi dell’iniziativa. Il paradosso – ha aggiunto Diaz – “è che a sostenere il Festival di Trieste, considerato a livello internazionale un punto di riferimento fondamentale del settore, sono sempre più le istituzioni latino americane, e via via meno -salvo alcune rare eccezioni- quelle del Paese in qui il Festival si realizza. Da parte nostra non possiamo che auspicare un rapido ripensamento e un’inversione di questa pericolosa tendenza”.

Sono poi stati annunciati i quindici film della Sezione ufficiale in concorso, scelti fra i più recenti dell’intero continente latino. Le opere selezionate -provenienti da Argentina, Brasile, Cile, Colombia, Costa Rica, Equador, Haiti, Messico, Perù, Porto Rico, Uruguay e Venezuela- sono firmate sia da registi già più volte premiati a livello internazionale, che da giovani emergenti.

Prestigiosa la Giuria internazionale, presieduta dal regista, sceneggiatore e produttore messicano Luis Estrada, e formata dalla regista, sceneggiatrice e cattedrattica colombiana Camila Loboguerrero e dagli spagnoli Alberto García Ferrer, Segretario Generale dell’Associazione delle Televisioni Educative Ibero-Americane e Carmelo Romero, direttore del Festival del Cinema di Málaga.

Tra le varie sezioni e retrospettive annunciate, una sul regista messicano Luis Estrada, Ie cui opere sono state selezionate da oltre 150 festival internazionali, una personale del regista e sceneggiatore Aldo Francia, attento alle problematiche sociali del Cile degli anni ’60 e ’70, una sulla regista colombiana Camila Loboguerrero, da quarant’anni protagonista della storia del cinema del suo paese e già presidente dell’Accademia di Cinema di Colombia, e un omaggio allo scrittore brasiliano Jorge Amado nei cento anni dalla nascita, attraverso film tratti da sue opere letterarie.

Tra i Premi previsti, al regista e documentarista brasiliano di origini bellunesi Silvio Da Rin (presente a Trieste) verrà attribuito il “Premio Oriundi – Italia in America Latina”, che il Festival conferisce ad autori che hanno valorizzato la memoria dell’emigrazione italiana in America Latina. Silvio Da Rin, la cui famiglia ha ancora una casa a Vigo di Cadore, ha partecipato a vari Festival internazionali, ed è stato Segretario per gli Audiovisivi del Ministero della Cultura del Brasile, durante la presidenza di Luis Inázio “Lula” Da Silva.
Il “Premio Salvador Allende”, intitolato alla memoria del Presidente cileno, sarà conferito all’Ambasciatore Emilio Barbarani, già in servizio all’Ambasciata di Santiago del Cile dal 1974 al 1976, durante il golpe militare. In quegli anni il giovane diplomatico sfidò la polizia segreta di Pinochet per salvare centinaia di persone. Autore del recente libro autobiografico“ Chi ha ucciso Lumi Videla?” (Mursia),  dedicato a quei fatti,  Barbarani verrà a Trieste per ritirare il Premio.

Nelle altre sezioni del Festival, parte delle quali a concorso, figurano numerosi documentari, opere dalle Scuole di Cinema, il “Premio Malvinas” per la convivenza fra i popoli e il Diritto Internazionale, e il “Premio Mundo Latino” per la migliore opera a carattere storico, deciso da una giuria di studenti del Collegio del Mondo Unito dell’Adriatico. E’ anche previsto un Premio del Pubblico in Rete, indetto da Arcoiris TV, che trasmetterà un settantina di opere del Festival sul proprio sito web www.arcoiris.tv.

Il Festival del Cinema Latino Americano di Trieste è patrocinato dall’Istituto Italo-Latino Americano, dai Ministeri per i Beni e le Attività Culturali e degli Affari Esteri. la Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori e dall’Università degli Studi di Trieste e dalla Camera di Commercio di Trieste. E’ realizzato con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, del Comune e della Provincia di Trieste; collaborano inoltre vari altri enti pubblici e realtà private, italiane e latinoamericane.

Altre informazioni sul Festival sul sito web www.cinelatinotrieste.org, su Facebook alla paginawww.facebook.com/cinelatinotrieste (con anticipazioni, articoli e video), e dal 20 ottobre alla cassa del Teatro Miela di Trieste, al tel. 040.3477672.

Fonte: http://www.cinelatinotrieste.org

A cura di Lauretta